Limoncello perfetto pronto in due ore.

Per fare un buon limoncello, per quanto tempo le bucce di limone devono macerare assieme all’alcol? C’è chi dice 7 giorni, chi 15, chi un mese e chi addirittura sostiene siano necessari due mesi. In realtà secondo le ricerche compiute dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’università di Napoli è necessario soltanto un giorno di macerazione per poter estrarre le sostanze principali, tre giorni invece per poter estrarre anche quelle secondarie.

Io invece accelero questi tempi mettendo le bucce di limone in macerazione con l’alcol in un contenitore e poi metterò questo contenitore immerso nell’acqua a 50° creando così un infusione. La temperatura più alta velocizza la fuoriuscita degli aromi ed il risultato sarà strabiliante.

Quindi oggi vi riporterò la ricetta del grandissimo Dario Bressanini, uno scienziato che si occupa di chimica in cucina, una persona che stimo molto e che grazie alla quale sto imparando tantissime cose leggendo il suo blog e che mi ha dato l’autorizzazione a scrivere la sua ricetta qui sul mio blog.

Ingredienti:
30 gr di scorza di limone biologico (tre limoni)
100 gr alcol da cucina puro al 95%
120 gr acqua
100 gr zucchero

Se lo preferite più forte potete calare del 20% le dosi di acqua e zucchero, oppure vedete voi come meglio preferite. Se vi piace meno o più dolce potete anche variare la percentuale di zucchero rispetto a quella dell’acqua che, in questa ricetta è dell’80%.

Procedimento:

Fare il limoncello è abbastanza semplice, ma servirà un termometro da cucina (lo trovate su internet per pochi euro).
Iniziate sciacquando i limoni sotto acqua corrente e poi tagliate la buccia avendo cura di non tagliare la parte bianca perchè è molto amara.
Ora mettete in un vasetto l’alcol, versateci dentro le bucce, coprite con un tappo e tenete al buio perchè alcune sostanze sono fotosensibili e quindi si rovinerebbero alla luce.

Prepariamo lo sciroppo scaldando l’acqua con lo zucchero finchè non sarà completamente sciolto.

Prendiamo una pentola e mettiamoci quel tanto di acqua che serve ad immergere il barattolo fin quasi al tappo, scaldiamola ed una volta arrivati a 50° spegniamo. Immergiamo il barattolo e copriamo con un coperchio per poter tenere ancora al buio il limone.

Passate le due ore l’acqua sarà tiepida ed il limoncello quasi pronto!

Filtriamo per poter togliere le bucce, aggiungiamo lo sciroppo d’acqua e zucchero e versiamo in una bottiglia. Vi consiglio di conservarlo in freezer, tanto l’alcol e lo zucchero impediranno al liquido di ghiacciarsi.

Birra allo zenzero – Ginger beer

Salve! Oggi vi propongo una ricetta insolita, la birra allo zenzero. Questa più che una birra vera e propria è una bevanda che alla birra ci somiglia parecchio, dal sapore rinfrescante e leggermente pungente (dipende da quanto zenzero mettete).
Durante la sua breve fermentazione (due giorni) sviluppa anche un leggerissimo grado alcolico, dicono circa 0,4% per dare un dato più preciso e proprio per questa ragione è molto in voga tra i teenager dei paesi anglosassoni, ma secondo me fa qualche grado in più!

Ingredienti:
100 gr zenzero fresco già sbucciato
140 gr zucchero
1 l acqua
8 gr lievito di birra
1 limone biologico

Potete anche aggiungere delle spezie a vostra scelta come: vaniglia, peperoncino, anice, finocchio, cardamomo, chiodi di garofano, ginepro, liquirizia.

Procedimento:
Mettete l’acqua a scaldare e mentre arriva a bollore sbucciate lo zenzero, tagliatelo a rondelle e poi tritatelo al coltello.
Togliete tutta la buccia di limone con una grattugia o un coltello da tavola e poi spremete il limone.
Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola tranne il lievito e poi versateci sopra l’acqua bollente.
Coprite con un panno, lasciate raffreddare fino a temperatura ambiente e poi aggiungete il lievito mescolando per farlo sciogliere meglio. È importante non aggiungere il lievito quando l’acqua è troppo calda altrimenti l’alta temperatura lo andrà ad uccidere.
Lasciate riposare per 24 ore a temperatura ambiente.
Passate le 24 ore passate al setaccio e lasciate il sedimento del lievito sul fondo, poi travasate in una bottiglia di plastica e lasciate fermentare per 48 ore sempre a temperatura ambiente. È molto importante che usiate una bottiglia di plastica,perchè di vetro si potrebbe rompere a causa della pressione che aumenterà parecchio, anzi a tal proposito fate attenzione la prima volta che la aprirete e state indietro con la testa perchè, come mostrato nel video, farà un bel botto!
Finita la fermentazione mettetela in frigorifero e consumate entro 6 giorni.

DSC06755